CHIRURGIA ESTETICA DEL CORPO


La chirurgia estetica del corpo può donare una nuova armonia e un aspetto migliore alle parti del corpo che hanno perso l’elasticità della pelle a causa della perdita di peso e/o dei cambiamenti dovuti all’età.

La chirurgia plastica ed estetica del corpo comprende tutti gli interventi che modificano il profilo corporeo eliminando, migliorando o correggendo imperfezioni e malformazioni.

In particolare la chirurgia plastica del corpo si rivolge a coloro che presentano un profilo non armonico per la presenza di accumuli di grasso localizzati (di solito nelle zone di addome, fianchi, cosce e braccia) oppure una lassità cutanea (che di solito interessa braccia o cosce) dovuta a diversi fattori, il più comune dei quali è un forte dimagrimento.

Per questi motivi, è importante che il chirurgo esegua interventi corpo che siano ottimali, sia dal punto di vista funzionale che estetico.

INTERVENTI DI CHIRURGIA ESTETICA DEL CORPO


VUOI RICEVERE MAGGIORI INFORMAZIONI (+39) 342 8842 143

DOMANDE FREQUENTI

Ho subito un intervento di gastrectomia che mi ha lasciato una cicatrice di 15 cm circa. In seguito questa è diventata cheloidea e sono state applicate creme al silicone e praticate infiltrazioni di cortisonici. Ora il cheloide è attenuato anche se persiste ma è sorto un ulteriore problema. La cicatrice in un punto è rientrata lasciando un buco. Volevo sapere a che cosa è dovuta questa introflessione (un'infiltrazione sbagliata?) e come si può sistemare.
La rientranza di cui parla è probabilmente dovuta ad una atrofia cutanea e sottocutanea causata dal cortisone iniettato. Purtroppo è una complicanza che può insorgere nel tentativo di ridurre i cheloidi. La situazione può essere migliorata con un autotrapianto di tessuto adiposo (lipofilling) nella zona depressa oppure con una correzione chirurgica
E' possibile ritoccare le cicatrici del lifting di coscia?
Si, è sempre possibile eseguire una corerezione delle cicatrici anche se l’efficacia e la durata della stessa va valutata caso per caso essendoci rischio di recidiva.
Dopo una liposuzione è possibile che il problema si ripresenti?
E’ molto difficile che dopo una liposcultura il difetto fisico si ripresenti con la stessa gravità della prima volta e il motivo è piuttosto semplice. Nel corpo umano esistono tre tipi di cellule. Le cellule labili sono soggette a cicli veloci di riproduzione e di morte e quindi il loro numero rimane abbastanza costante nel tempo grazie a questo continuo turnover che compensa le eventuali perdite. Un esempio di cellule labili sono quelle della mucosa intestinale o della pelle. Le cellule perenni invece non si riproducono mai è il loro numero, dal momento della nascita, è in costante calo. Ogni cellula perenne che muore non viene rimpiazzata. I neuroni sono le uniche cellule perenni. Il terzo tipo di cellule sono dette stabili ossia hanno un ritmo di replicazione bassissimo che solo sotto determinati stimoli ormonali e ambientali può incrementare. Gli adipociti (cioè le cellule del grasso) sono cellule stabili che si riproducono a ritmi lentissimi. Per questo motivo quando si ingrassa la popolazione di adipociti aumenta numericamente pochissimo ma le cellule semmai si ipertrofizzano ossia accumulano al loro interno trigliceridi cioè grassi semplici (in pratica le stesse cellule adipose “ingrassano” senza aumentare di numero). Con la liposcultra le cellue adipose vengono aspirate e quindi fisicamente rimosse dal corpo. Le cellule rimanenti possono ancora ipertrofizzarsi ma fino ad un certo punto. Salvo gravissimi e repentini aumenti di peso il dimagrimento ottenuto con una liposuzione può essere considerato appunto stabile.
Ho il setto nasale deviato dalla nascita e da un anno sto notando anche ad un repentino peggioramento estetico del mio naso con l’evidenziarsi di una sporgenza ossea. Lo specialista che mi ha visitato è propenso ad intervenire solo con una settoplastica. Vorrei capire se l'alterazione estetica sia correlata al problema funzionale e se tale quadro clinico sia destinato a peggiorare nel tempo. Volendo risolvere sia il problema respiratorio che quello estetico posso rivolgermi al SSN perché l'intervento venga effettuato senza costi a mio carico?
Il peggioramento estetico che descrive non trova giustificazione alla sua età a meno che effettivamente non abbia subito un trauma. Se nota una sporgenza ingravescente è necessario sottoporsi ad una (o più) visite specialistiche ed esami strumentali (radiografia cranio e/o tac) per escludere che la sporgenza possa essere dovuta ad una neoformazione (osteoma). In quest’ultimo caso la deformità estetica può essere corretta insieme al problema funzionale senza pagare nulla. In tutti gli altri casi la parte estetica non può essere eseguita con la mutua ma può eventualmente essere aggiunta all’intervento funzionale pagando la differenza. In questo caso si parla di intervento estetico/curativo. Si deve rivolgere ad un chirurgo plastico ospedaliero esperto in chirurgia nasale morfo-funzionale.
La riduzione delle piccole labbra è un intervento mutuabile? Se no quanto costa?
L’intervento di riduzione delle piccole labbra non è quasi mai mutuabile salvo rarissimi casi di gravità eccezionale con difficoltà nello svolgere semplici attività quotidiane come correre, sedersi, andare in bicicletta, etc… Le tariffe variano da chirurgo a chirurgo tra 1250 e 2500 euro.
Ho un problema di grandezza delle piccole labbra che mi crea molti fastidi durante l'attività sportiva. Cosa si può fare?
Le gravidanze, una predisposizione individuale o anche il semplice invecchiamento possono portare ad una ipertrofia (eccesso) delle piccole labbra dei genitali esterni femminili. Ciò, oltre che essere antiestetico, può rendere difficoltoso il rapporto sessuale o rendere fastidioso svolgere attività fisiche e/o sportive, come correre o andare in bicicletta. Con un semplice intervento chirurgico di riduzione è possibile rimodellare le piccole labbra ed eliminare definitivamente il problema. L’intervento è spesso associato all’aumento delle grandi labbra ed è eseguibile in poche decine di minuti, ambulatorialmente.
Dopo quanto tempo è possibile riprendere l’attività sessuale dopo riduzione delle piccole labbra?
Dopo un intervento di riduzione delle piccole labbra è necessario astenersi dall’attività sessuale almeno fino alla guarigione completa delle ferite mucose e cutanee. Il tempo necessario è normalmente 12-14 giorni. Alcuni punti di sutura possono tuttavia permanere fino al 20° giorno post operatorio ma la loro presenza non da più di tanto fastidio.

INTERVENTI PIÙ RICHIESTI