Esecuzione: 90′
Anestesia: Generale
Dimissione: In giornata
Ritorno al sociale: 3 gg
Medicazioni: 5/14 gg, 1 mese esposizione solare

DESCRIZIONE INTERVENTO

L’aumento della mammella maschile è un disagio spesso difficile da tollerare.

La ginecomastia vera è determinata da un disturbo nella produzione ormonale che porta all’ipertrofia la ghiandola mammaria e ad un eccesso di forma della parte, altresì la ginecomastia falsa o pseudo ginecomastia è dovuta ad un aumento del solo grasso perighiandolare di quest’area.

Si profilano pertanto due differenti approcci terapeutici che possono essere effettuati in anestesia generale o in sedazione profonda.

Il trattamento della ginecomastia vera consiste in una mastectomia sottocutanea (rimozione ghiandolare), mediante un accesso emiperiareolare inferiore (metà inferiore del capezzolo).

Il trattamento della pseudo-ginecomastia si effettua, invece, mediante una accurata lipoaspirazione del tessuto adiposo in eccesso fino a ripianare la regione pettorale.

Tuttavia, nella pratica si procede spesso ad un intervento combinato in cui si effettua una liposuzione iniziale per rimuovere il tessuto adiposo superfluo e si prosegue con l’incisione nella metà inferiore dell’areola per riuscire a rimuovere anche l’eccesso ghiandolare che, seppur minimo, è quasi sempre presente.

In questo modo si eliminano entrambi i fattori responsabili della forma anomala del seno e si prevengono recidive a medio e lungo termine.

Le incisioni della liposuzione sono pressoché invisibili e anche le piccole cicatrici emi-periareolari inferiori risultano impercettibili a distanza di qualche mese.


DECORSO POST-OPERATORIO

La dimissione avviene in giornata.

Il paziente indossa un bendaggio compressivo coadiuvato da una guaina specifica a forma di “gilet” che non dovrà rimuovere per circa 20/30 giorni. La compressione elastica riveste un ruolo determinante, per limitare al massimo il gonfiore post-operatorio, per minimizzare il tempo di definizione del risultato e contenere anche il disagio.

Il recupero delle attività quotidiane è immediato e così anche per le attività lavorative sedentarie. Il rientro al lavoro per incarichi più stressanti può essere indicato dopo 7/10 giorni.

Il risultato è stabile nel tempo, al di fuori di rapide e reiterate variazioni ponderali.

ALCUNI INTERVENTI DI GINECOMASTIA